Intaglio Pietre Dure

lavorazione artigianale mosaici, mosaici bizantini, mosaici per chiese

La famiglia Ugolini segue le orme storiche dei più antichi intagliatori dei quali abbiamo traccia.

La storia dell'intaglio ha origine dal fiorentino Benedetto Peruzzi, che nel 1379 dimorava a Padova, ma anche altre figure hanno contribuito alla nascita ed al perfezionamento di questa arte.

I più famosi e conosciuti sono Ghiberti, Brunelleschi, Donatello, Verrocchio, Pollaiolo, Iacopo della Quercia o Giovanni delle Corniole che, al tempo di Lorenzo il Magnifico, realizzò un celebre ritratto del Savonarola tutt'ora esistente.

Ferdinando I, cardinale della Curia Romana, nel 1588 creò l'Opificio delle pietre Dure che ebbe tra i suoi maestri gli artisti come: Bernardino Buontalenti, Matteo Nigetti, Jacopo Ligozzi, Ludovico Cardi, detto il Cigoli, Jean Boulogne, detto il Giambologna, Bernardino Barbatelli, detto il Poccetti, Jacopo Bilivert, Pietro Tacca, Jacopo Autelli, Orazio Mochi, Francesco Mochi e tanti altri.

 

Mosaicisti contemporanei

G. Ugolini

Giuseppe Zocchi fu colui che realizzò i mosaici delle sale di Palazzo Pitti ed è anche l'iniziatore di un fiorente periodo per l'Opificio delle Pietre Dure.

Nel 1635, nel quartiere di S. Croce a Firenze, fu aperta una bottega, poi nel tempo ampliata precisamente in via dei Malcontenti a fianco della chiesa, che prese il nome di Musiva.

Verso la fine dell'Ottocento la Musiva, sotto la direzione del mosaicista Giovanni Montelatici, inizia l'introduzione della figura come soggetto del mosaico, attività molto difficile ed impegnativa per i tanti particolari da realizzare.

Un altro grandissimo realizzatore di figure fu Oreste Innocenti, morto nel 1962, che realizzò la riproduzione della Madonna della Seggiola del Raffaello, custodita nella Galleria dell'Arte Musiva di Firenze, tecnicamente perfetta.

 

Mosaicisti moderni

Giuseppe Fiaschi ha servito la migliore clientela del mondo, fino al 1958, anno della sua morte.

Da lui hanno imparato Marco Tacconi e Bruno Lastrucci, attuale direttore della Musiva.

Bruno Lastrucci, Marco Tacconi e Metello Montelatici, figlio di Mario sono i grandi e unici prosecutori dei magnifici mosaicisti della figura.

Share by: